Votate la telenovela!

1. Pessima - Immagine
1
100%
2. Accettabile - Immagine
0
Nessun voto
3. Gradevole - Immagine
0
Nessun voto
4. Bella - Immagine
0
Nessun voto
5. Ottima - Immagine
0
Nessun voto
 
Voti totali : 1

Povera Clara

10/11/2013, 8:54

Povera Clara

Immagine

Titolo originale: "Pobre Clara"
Titolo italiano su reti locali: "Voglia di amare"
Regia: Miguel Angel Herros
Protagonisti: Alicia Bruzzo e German Kraus
Remake di: Pobre Clara del 1975
Puntate: 158
Paese: Argentina
Anno: 1984


Trama
Clara è una donna trascurata, depressa ed insicura di se, apparentemente priva di fascino che vive lontano dal mondo ed in un autentico covo di vipere. In primo luogo la sua matrigna Mercedes Escobar, che lei crede sua madre, la quale la priva di ogni affetto e, assieme al figlio Francisco, la umilia e fa tutto il possibile affinché si senta inutile. Clara, malgrado tutto, vuole molto bene a loro due, senza sapere che le hanno sottratto un'immensa fortuna, ereditata dal padre Josè Francisco, morto anni prima, e grazie al quale sono riusciti a risollevare le sorti della loro fabbrica di plastici, al tempo in cattive condizioni. Un giorno Susanna, la figlia di Francisco, ad una festa di amici conosce un giovane di nome Germano e tra i due nasce del tenero. Purtroppo la loro relazione è ostacolata sia dal padre di lei che dalla madre di Maria Josè, la fidanzata di Germano, che, insieme riescono a separarli. Susanna per dimenticare l'accaduto accetta l'idea di partire per l'Italia per andare a vivere a casa di parenti ed incaricano Clara di accompagnarla. Mentre Susanna sta a casa di zii, Clara ne approfitta per fare un giro per Firenze dove incontra Christian, un medico specializzato in neurochirurgia, che le si offre da accompagnatore. I due trascorrono insieme dei bei momenti e finiscono per innamorarsi reciprocamente. Clara si sente donna per la prima volta nella sua vita e si trasforma da impacciata e poco attraente in affascinante e piena d'iniziativa. Lei torna a Buenos Aires e pochi giorni dopo Christian la raggiunge e, di comune accordo, decidono di sposarsi. Malgrado tutti i tentativi sia da parte di Mercedes che di Francisco, nel cercare di impedire questo matrimonio, i due riescono a coronare il loro sogno e si trasferiscono a casa di lui. Pochi giorni prima del loro matrimonio, la moglie di Ernesto, un azionista della fabbrica Escobar, trova una lettera di Josè Francisco, che aveva scritto prima di morire, in cui confessava tutta la verità sulle origini di Clara e che lasciava alla figlia tutte le sue ricchezze. Dopo averne letto il contenuto si reca da Clara per riferire quanto ha scoperto ma mentre attraversa la strada viene investita da un auto e muore senza riuscire a rivelare nulla. Successivamente la lettera finisce nelle mani di Susanna che, non sapendo di cosa trattasse, la mette da parte e la nasconde. Nel frattempo, Mercedes, per niente rassegnata, incarica un'infermiera che lavora nella clinica di Christian di fare tutto il possibile per screditare l'uomo come medico dinanzi alla gente, in cambio di denaro. L'infermiera accetta ed una notte si introduce nella sala operatoria del reparto di neurochirurgia ed inietta del veleno in una fiala di anestetico. Il giorno seguente due pazienti muoiono durante un operazione eseguita da Christian mentre un terzo si salva per miracolo. Il caso viene aperto giuridicamente senza che nessuno sappia e abbia prove circa l'innocenza del medico. L'infermiera contatta Mercedes per raccontarle ciò che ha fatto ma, la telefonata viene intercettata da Maria, la cameriera di fiducia dell'anziana donna, che, la ricatta di denunciarla nel caso in cui non avesse accettato il figlio Beto come suo nipote, nato da una relazione con Roberto, il fratello minore di Francisco. Mercedes, malvagia ma astuta, minaccia Maria di fare del male a Beto se solo avesse osato fiatare e quest'ultima per amore del figlio decide di tacere. Intanto Christian, cerca il dr. Karma, cioè il medico curante di Clara, per farsi dare spiegazioni sulla salute della moglie che ha sempre sofferto di terribili attacchi di cefalea e che sulla lastra radiografica del cranio ha riportato una vecchia frattura ma lui, temendo che lo possa denunciare, non si fa trovare in casa. Nello stesso tempo Mercedes, telefona a Clara chiedendole scusa di tutto e, fingendosi pentita, la invita a cena a casa sua insieme al marito. L'uomo non vede nulla di chiaro nel comportamento dell'anziana donna con cui, un giorno, ha una terribile discussione durante la quale Clara viene colpita da un violentissimo attacco di cefalea in seguito al quale perde i sensi. La donna viene ricoverata in clinica ove le fanno una TAC da cui risulta avere un tumore sviluppatosi proprio su quella pregressa frattura. Nessuno conosce la vera storia in proposito. Pochi mesi dopo la morte del padre, Clara venne spinta per le scale di casa da Francisco ed in seguito a quell'incidente stette per diverso tempo tra la vita e la morte. Mercedes, per il timore che morisse e che il figlio venisse così incolpato di tentato omicidio, pensò di pagare salatamene il dr. Karma affinché nascondesse l'accaduto e facesse credere che si trattasse di un'encefalite sostituendo la lastra del cranio della ragazza con quella di uno sano. Fortunatamente Clara guarì ma senza ricordarsi di nulla e senza sapere di avere il cranio fratturato. Le condizioni della povera Clara sono ora piuttosto gravi e, dal momento che non le resta molto da vivere, l'unica speranza le viene offerta da una difficilissima operazione da cui solo miracolosamente sarebbe guarita. La donna viene operata e resta per diversi giorni in coma dal quale ne esce come per miracolo ma, quando riprende conoscenza, mostra i segni di una regressione infantile. In altre parole è come se con la mente fosse tornata all'età di 7 anni. Christian contatta uno specialista, insieme al quale effettua diverse sedute di ipnosi e grazie a cui riesce a fare luce su tanti eventi che hanno condizionato il passato di Clara. Innanzitutto scopre che la donna, all'età di 15 anni, era stata innamorata di un giovane che studiava nel suo stesso collegio e che il loro amore fu ostacolato in tutti i sensi dalla madre di lei, la quale era convinta che il ragazzo fosse interessato solo al suo denaro. Il padre un po' per debolezza non ebbe il coraggio di contraddire la moglie e da allora Clara aveva covato dentro di se dell'odio nei suoi confronti che aveva cercato di reprimere con dell'affetto e ciò le era costata la salute emotiva. In secondo luogo Christian comincia a ricostruire la dinamica della morte del padre di Clara la quale, prima di vederlo cadere per terra, si accorse che nella serra del suo giardino, da cui l'uomo era da poco uscito, ci fosse qualcuno. Il medico svolge alcune indagini per scoprire chi fosse stato quel qualcuno e si reca dal giardiniere della famiglia Escobar che venne licenziato pochi giorni dopo l'accaduto. L'uomo gli racconta che poco prima di morire Josè Francisco stava nella serra a discutere animosamente con la moglie e che quest'ultima sembrava come indemoniata. Capisce così che l'assassina del padre di Clara fu niente meno che Mercedes. Intanto, Susanna passa da casa di Christian per consegnarle la lettera in cui è raccontata la vera storia di Clara ma qui vi trova Ada, la governante, che ne entra cosi in possesso. Purtroppo Christian, ritornato a casa, apprende la triste notizia della sua condanna a 6 anni di reclusione. La sua angoscia cresce ancor più quando apprende che Clara è rimasta incinta da pochi mesi e che presto avrà un bambino di cui, stando in carcere, non potrà occuparsi come tanto desidera. Nello stesso giorno Ada uccide l'uccellino che Clara aveva in camera e lo nasconde sotto le coperte del suo letto e la donna, dopo averlo visto morto, subisce uno shock talmente forte che guarisce e ritorna ad essere normale. Intanto, l'infermiera, ormai distrutta dai sensi di colpa, si reca da Christian e racconta tutta la verità su ciò che aveva compiuto per ordine di Mercedes e che è disposta ad ammettere tutto dinanzi al giudice. L'anziana donna viene accusata di omicidio e pertanto arrestata e, quando Clara la va a trovare, le racconta tutto sul suo conto. Intanto Francisco, insieme ad un suo amico, ha deciso di partire per il Venezuela, deciso a liberarsi una volta per tutte dal dominio della madre che, venutolo a sapere, perde completamente la regione e viene internata in un manicomio dove vi resterà sino alla fine dei suoi giorni. Allo stesso tempo Ada, prima di partire, consegna la lettera a Christian. Clara diviene così la unica e sola signora Escobar. Finalmente sembra che tra i due protagonisti non ci siano più ostacoli e che possano vivere la loro vita insieme. Trascorrono i mesi e la loro unione viene allietata dalla nascita di Florenzia, frutto del loro grande amore.

Curiosità
"Povera Clara" che in origine era divisa in ben 160 episodi da 45' è stata recentemente replicata dal canale argentino Volver dal 21 agosto 2006 al 30 marzo 2007. "Povera Clara" è la seconda delle cinque versioni girate in Messico e in Argentina. La prima si intitola "Pobre Clara" ed è una produzione messicana risalente al 1975 in 142 episodi da 25' e interpretata da Celìa Castro e Julio Aleman. Nel 1987, sempre in Messico, è stata girata la terza versione, La pobre señorita Limantour" con Victor Camara. Al cast di quest'ultima hanno partecipato attori giovani e emergenti come Thalia e Omar Fierro. La quarta è "Pobre niña rica" prodotta in Messico nel 1995 con Victoria Ruffo e Ariel Lòpez Padilla. Sempre nello stesso anno in Argentina è stata realizzata dalla Telearte, la stessa casa di produzione di "Vendetta di una donna" e "Top model", una nuova versione intitolata "Dulce Ana" con Patricia Palmer e Orlando Carrio. La telenovela è tratta da un romanzo di Carmen Daniels, liberamente adattato da Marcia Cerretani, nota autrice di telenovelas di successo come "Alen" e "La donna del mistero 2". "Povera Clara" in parte è stata girata a Firenze, le cui riprese sono state gentilmente concesse da Folco Quilici. In Italia la telenovela è stata programmata per la prima volta durante la metà degli anni'80 su diverse emittenti locali e in seguito è stata trasmessa anche dal circuito nazionale SuperSix.

• La telenovela è stata in parte girata a Firenze, ed è tratta dal romanzo di Carmen Daniels. Le riprese di Firenze sono state gentilmente concesse da Folco Quilici.
• Di questa telenovela si conoscono ben altre 4 versioni mai viste in Italia. La prima, che ha dato il nome "Pobre Clara" alla storia, è una produzione messicana risalente al 1975. La seconda, girata sempre in Messico con il nome "Pobre senorita Limantour", è del 1987 e vede come protagonista l’ormai affermato Victor Camara e nel cast attori ancora giovani come Thalia ed Omar Fierro. La terza, firmata Televisa, risale al 1995 e sempre nello stesso anno in Argentina la Telearte produce "Dulce Ana".
• La telenovela è andata in onda in replica nel 1990 su Retemia con il titolo "Voglia di amare" e con un brano strumentale quale nuova sigla.

Sigla italiana: si intitola "Firenze Piccoli particolari" (A. Minghi, G. Chiocchio) ed è cantata da Laura Landi. Il brano era tra le canzoni in gara nel Sanremo del 1985 nella sezione "nuove proposte".

Cast
Alicia Bruzzo - Clara
Germàn Krauss - Christian
Hilda Bernard - Mercedes
Nestor Hugo Rivas - Francisco
Marcela Lòpez Rey - Irene
Juan Vitali - Germano
Andrea Barberi - Susanna
Emilio Conte - Roberto
Cristina Allende - Marisa
Diego Varzi - Mario
Laura Bove - Selva
Ruben Maravini - Carlos
Nelida Romero - Emilia
Virginia Ameztoy - Maria
Ricardo Castro Rios - Ernesto Salgano
Marina Skell - Maria José
Victor Rios - Dr. Carman
Cèsar Andrè - Dr. Cabrera
Darwin Sanchez - Joaquin


Immagine

Re: Povera Clara

14/08/2014, 16:05

Avete solo la foto sopra?

Re: Povera Clara

22/08/2014, 18:12

No, ne ho altre, appena possibile le inserisco.

Re: Povera Clara

05/11/2014, 17:16

Immagini
Spoiler:
Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Re: Povera Clara

10/01/2015, 16:02

Grazie Isabel.